Ieri pomeriggio, stavo parlando con il mio gruppo di amici su what’s app, quando due di loro mi dicono che alle 23:00 ci sarà una nuova direct della Nintendo. “Mmm strano!” ho pensato, “l’ultima direct è stata giusto la scorsa settimana, avranno qualcosa di nuovo da dire vista la durata breve della precedente, chiamata appunto mini direct”. Passo dalla pagina Nintendo e noto il post che dice di come ci sarà “una nuova esperienza d’intrattenimento per adulti e bambini”, tra me e me penso: o sarà una cazzata colossale o finalmente fanno uscire qualche gioco degno di nota, magari Metroid Prime 4 (hype pensando a questo titolo). Gli altri fantasticano su un pokémon in stile avventura o ancora su qualche nuova sorpresa…

In serata ci si vede per passare un pò di tempo assieme e per vedere con curiosità questa “promettente” direct. Attendiamo il momento, divertendoci nel frattempo con quello strano gioco che è Munchkin (ve lo consiglio :D), e arrivati alle 23:00 ci mettiamo davanti al pc con Nintendo.it. Fin qui tutto bene, ora iniziamo a degenerare.

Vediamo il video che dura per la precisione 2:53 min (trovate il video in fondo) e … iniziamo a sfornare tante di quei pensieri e commenti negativi che neanche potete immaginarvi.

Nintendo mostra l’utilizzo di Nintendo Switch come oggetto per dar vita a dei cartonati con le forme più disparate. Mettiamo i joycon dentro una sorta di sterzo in cartone e usiamolo a mò di volante, oppure dentro una canna da pesca in cartone, con mulinello, filo (almeno questo non di cartone xD), e tutto l’involucro in cartone, o ancora messo dentro un pedale, rigorosamente in cartone, per poter accelerare in un gioco di macchine. Questi sono alcuni degli utilizzi che si sono visti. Vi state chiedendo dunque dove stà la notizia… bè la notizia è proprio il cartone. Nintendo Labo è così che si chiama. Un kit di cartoni, pre-tagliati, da incastrare a casa, una volta comprato. Penserete, ma questa modalità mi ricorda qualcosa, in effetti ricorda tanto Ikea, ma almeno quella fa delle cose che durano nel tempo, il cartone mmm, non penso proprio.

Vi dirò in breve quello che pensiamo io e Dario per sommi capi.

Nintendo Labo, come idea di base non è male, le cose che più ci rendono perplessi sono parecchie, innanzitutto il costo della “periferica”(?).

-Parliamo di 70$ qualcosa come 65 € per una confezione di cartoni, firmati Nintendo. Capisco che magari ci sarà un trattamento speciale del cartone per renderlo anti-tutto, colorati con vernici anti tossicità e quello che volete, con delle cordicelle e dei meccanismi degni di Leonardo da Vinci, ma 65€ per un set di cartoni, mi pare eccessivo.

-Altro punto che ci rende perplessi, il materiale. Questa non so bene come definirla, chiamiamola “periferica”, sarà usata principalmente da bambini e forse anche da adulti. Possiamo garantire che dei bambini siano talmente bravi da non rompere nulla, ma per tutti gli altri si prospetta il seguente scenario: Nintendo Labo (scatole di cartone), rotte in non più di un mese. Vuoi che magari ci cadi per sbaglio, cade e si sgancia il meccanismo, gli cade per sbaglio un pò di acqua, il bambino lo getta o insomma, lascio spazio alla vostra fantasia. A parte i bambini, che ahime sono dei distruttori, noi persone “adulte”, che comperiamo una “periferica” del genere, dovremmo starci particolarmente attenti. Non potremmo spolverarli con una pezza bagnata, perché l’acqua potrebbe rovinarla, dobbiamo stare attenti che nessun bambino la distrugga, avere un armadio per poter posare tutti sti scatolotti, montati saranno ingombranti, ecc ecc. Poi ok che il cartone resiste nel tempo, ma se state a mare, e c’è umidità ogni giorno, la vedo dura.

-Punto che mi stà particolarmente a cuore. Ok, avete avuto una bella idea, non è male potersi costruire le cose, dai vostri cartoni, ma perchè non date la possibilità di creare le cose da sè?! Magari dando gli schemi di come farli e montarli e tutto il resto? Non servirebbe andare a spendere 65€ per gli stessi cartoni che ho a centinaia in garage, e potrebbe essere un momento conviviale tra genitori e figli, visto che mirate a questo. A quanto pare non è possibile, almeno da quello che ho visto sin ora. Ovvio che poi molti si costruiranno da sè quello che gli pare e piace.

Tante altre considerazioni ci sono venute in mente, ma verranno in mente a chiunque altro, quindi mi fermo qui.

In breve direi che Nintendo Labo andrebbe bene(in qualche modo), se ad un prezzo ridotto, 10€?, e rendendo le “scatole” opensource.

Poi altra cosa è che sicuramente faranno una valanga di soldi e che ci andiamo sempre più spostando dal core centrale dell’azienda, intristendo milioni di vecchi fan che vedono sempre meno spesso quello che li ha da sempre appassionati: videogiochi entusiasmanti, profondi e soprattutto, divertenti. Giochiamo per divertirci e non per montare scatoloni!